Un Ferragosto di lavoro per la Fiorentina

[AdSense-A]
Sarà un Ferragosto di lavoro quello in casa Fiorentina. Secondo quanto riporta questa mattina La Nazione, nelle prossime ore dovrebbe concretizzarsi l’addio di Kalinic alla Fiorentina (direzione Milan) e l’arrivo di Simeone dal Genoa. Se non ci saranno intoppi o accelerate, la doppia situazione prenderà corpo nella giornata di mercoledì. Per quello che riguarda l’esterno d’attacco, Jesè ha ormai scelto lo Stoke City. E’ ipotizzabile che Corvino torni su Politano, per capire se è possibile trattare i 15 milioni di euro richiesti a suo tempo.

[AdSense-A]

Alla fine, passa tutto (o quasi) dalla questione Kalinic, che ieri ha ceduto dal primo minuto la maglia da titolare a Babacar. Sì, perché la Fiorentina ha già in mano Cholito Simeone, il ventiduenne centravanti argentino di proprietà del Genoa (17-18 i milioni che saranno investiti sul suo cartellino inclusi i bonus), ma dalla destinazione del croato dipende il possibile arrivo almeno del terzino sinistro che ha scalato la classifica di gradimento, se non anche del centrale difensivo (Paletta). I viola hanno messo nel mirino Luca Antonelli, 30 anni: potrebbe essere lui una delle pedine, oltre a Paletta, da tempo nella lista dei monitorati da parte di Pantaleo Corvino, capace di sbloccare l’operazione.

[AdSense-A]
Ieri sera a fine gara Stefano Pioli rilascia le dichiarazioni dopo la gara contro il Parma: “Mi aspettavo qualcosa in più, abbiamo fatto tanti errori, abbiamo perso tante palle che potrebbero essere pericolose nelle partite vere. Dobbiamo lavorare duro. I giocatori nuovi hanno bisogno di tempo e ambientamento, la squadra ha una buona mentalità e buon spirito. Chiaro che certi meccanismi vanno perfezionati, domenica c’è il campionato. Mi aspetto che la squadra venga completata presto. Devo dire che il terreno di oggi non era il massimo, ma dobbiamo migliorare nei tempi di gioco e nell’attacco allo spazio.

Dobbiamo giocare meno la palla indietro. Benassi? E’ un centrocampista completo e dinamico, non è un esterno da uno contro uno, ma ha fatto buoni movimenti dentro il campo. Non sarà la posizione di Benassi il nostro problema. Incontreremo una squadra di alto livello con giocatori di livello importante. Il modulo sarà questo? Non parliamo di ruoli e moduli, per domenica prossima cercherò di scegliere gli uomini migliori che ho a disposizione”.
[AdSense-A]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.