Stadio: torna in campo l’ipotesi Franchi. E si pensa ad una legge ad hoc

Firenze Franchi

Per il nuovo stadio della Fiorentina a questo punto resta aperto, sul fronte viola, il ‘bando Commisso’, ovvero l’invito a tutte le realtà di Firenze e di Città Metropolitana a farsi avanti con aree, tempi e conti giusti per la nuova casa gigliata. La società viola continua a sperare, sempre che Commisso non si stanchi della valanga di burocrazia che gli è precipitata addosso. Scenari ancora tutti aperti per Campi Bisenzio e aree simili, ma anche per l’area della Caserma Perotti a Coverciano.

 

 

Torna di moda la variante che parla del restyling del Franchi, per il quale il patron ha chiesto “la revisione o la reintegrazione della legge sui monumenti” per avere maggiore flessibilità di intervento. Un appello al quale ha risposto l’onorevole Di Giorgi, che sta lavorando ad una proposta di legge per snellire procedure e vincoli. Lo riporta La Nazione in edicola oggi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.