Pozzo: “Giocare a porte chiuse è un controsenso, meglio…”

Intervistato dal Gazzettino Friuli Venezia Giulia, il patron dell’Udinese, Giampaolo Pozzo, ha parlato delle partite di Serie A a porte chiuse, queste le sue dichiarazioni rilasciate al quotidiano:

“Per me è un controsenso giocare a porte chiuse visto che il calcio è fatto per gli appassionati. E’ come se si facesse la prima dell’Aida alla Scala di Milan senza spettatori e il tenore cantasse da solo nel teatro. Sarebbe un paradiso. Detto questo, prendiamo atto delle decisioni delle istituzioni e ci adeguiamo. L’onere è grande perché sono incassi, sponsor e tutto un giro economico che viene meno in occasione delle partite casalinghe.

 

 

Per me il campionato andava sospeso in attesa di sviluppi concreti sulla diffusione del virus e andava fatto già prima per evitare il tira e molla delle scorse settimane. In alternativa, se proprio non si voleva fermare il campionato, bisognava adottare questi ultimi provvedimenti dall’inizio dell’emergenza per tutti e non solo per alcuni, così da avere un quadro complessivo più lineare.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.