Pioli: “Troppi errori tecnici. Non ho deciso se resterò o no, parlerò con la società”

Pioli esonero

Queste le parole del tecnico della Fiorentina, Stefano Pioli, che ha parlato cosi a Sky Sport dopo la sconfitta contro il Cagliari:

Non abbiamo giocato una partita al nostro livello tecnico, specie nel primo tempo a favore di vento, dovevamo creare di più. Nella ripresa il Cagliari ha spinto di più, a livello tecnico la prestazione non è stata all’altezza, abbiamo subìto il primo gol dove eravamo ben piazzati. Non abbiamo perso la partita sulle seconde palle, abbiamo commesso troppi errori a livello tecnico. Non siamo riusciti ad allungare la difesa del Cagliari. I giocatori sono giovani, ma anche maturi per affrontare queste condizioni climatiche. La palla non arrivava nel posto giusto al momento giusto. Sapevamo che sarebbero stati pericolosi sui cross, ne abbiamo concesso uno dove eravamo dentro l’area e abbiamo preso gol.

Dovevamo scavalcare di più il centrocampo, anche se questa non è una nostra caratteristica, abbiamo giocatori che vanno serviti in profondità, non siamo come il Cagliari.

Dentro la partita ci sono vari momenti da sviluppare, abbiamo avuto un buon approccio, non abbiamo iniziato la gara con leggerezza, il problema è che abbiamo commesso troppi errori. A livello mentale la squadra si fa condizionare troppo dagli episodi, dobbiamo stare dentro la partita con più equilibrio e continuità. La giovane età può incidere, ma i miei giocatori hanno l’esperienza per leggere determinati momenti.

PARLA POI DEL SUO FUTURO

Entrambe le squadre hanno aggredito. Ci aspettiamo sempre che Chiesa e Muriel facciano qualcosa, purtroppo non è stata la loro miglior serata.

La sconfitta ci allontana dall’Europa, avevo chiesto uno sforzo, serviva una prestazione diversa. Adesso dobbiamo ricaricare le pile. Se non faremo tanti punti nelle prossime partite, diventa difficile pensare all’Europa.

Le parole sul mio futuro? E’ stata data solo un’interpretazione alle mie parole. Sono in scadenza di contratto, ma questo non mi ha fatto perdere serenità, non ho mai lavorato così bene al centro sportivo della Fiorentina, ho trovato un gruppo al quale sono molto legato. Ho sì deciso cosa fare, ma non ho deciso se resterò o no alla Fiorentina. A fine campionato parlerò con la società. Ho chiaro cosa metterò sul piatto. Fino a pochi giorni fa il mio futuro interessava a pochi. Sono contento di ciò che sto facendo, ma è inevitabile che finisse il mio primo mandato a giugno. Sul piatto metterò sensazioni negative e positive”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.