Mercafir e Franchi, la cronistoria dei dubbi di Commisso. I tifosi sono con lui

Commisso

Questa mattina sul Corriere dello Sport si parla del nodo-stadio ed in particolare come la realizzazione del nuovo impianto rischia di diventare uno scoglio insormontabile per Rocco Commisso. I primi dubbi erano ufficialmente emersi il 5 marzo scorso, quando il presidente viola aveva rinunciato al bando di gara per l’area Mercafir, l’unica individuata finora dal Comune per realizzare la nuova casa viola nei confini cittadini.

 

 

 

Niente è cambiato nemmeno dopo il rinvio al 28 maggio della chiusura del bando stesso causa pandemia da Covid-19: per la Fiorentina (al momento) Novoli è un capitolo da archiviare. Ed ecco come sia tornata in auge l’ipotesi restyling del Franchi, grazie ad una soluzione in grado di preservare le scale elicoidali e la torre di Maratona.

 

 

 

Anche qua però, i nodi da sciogliere sono molti: stando alle parole della Soprintendenza questo tipo di mantenimento della struttura potrebbe non bastare. Per Rocco la strada è in salita, ma i fiorentini sono dalla sua parte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.