In Argentina il campionato avanti a porte chiuse, ma il River: “Noi non giochiamo”

Il calcio sudamericano brancola nel buio. Mentre si registrano un po’ ovunque i primi casi di contagio da Covid-19, le federazioni dei singoli Paesi si muovono in differenti direzioni e senza criteri comuni dettati dalla Conmebol (il massimo organo continentale). C’è chi ha deciso di andare avanti a porte chiuse e chi invece ha optato per lo stop totale. In Argentina, invece, è in atto un autentico braccio di ferro tra il River, che si rifiuta di scendere in campo, e i vertici federali, che hanno disposto il prosieguo delle attività sportive a porte chiuse e minacciano sanzioni contro chi si rifiuti di scendere in campo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.