Ibra in viola a Gennaio, è davvero possibile?

Ibrahimovic

Nelle ultime ore girano sempre più insistentemente i nomi di De Rossi e Ibrahimovic accostati alla Fiorentina, ma se il nome dell’ex capitano della Roma non sembra entusiasmare i tifosi gigliati al contrario di quest’estate, vista anche l’esplosione di Castrovilli e l’arrivo di Pulgar oltre il ritorno di Badelj in aggiunta ai problemi fisici avuti dallo stesso De Rossi in Argentina. Il nome di Ibrahimovic al contrario ha un fascino diverso nei tifosi gigliati, il centravanti Svedese che in carriera in Italia ha già vestito le maglie di Inter, Juventus e Milan ha recentemente aperto ad un ritorno in Italia e vista l’operazione Ribery inizialmente fuori mercato per i viola, ora i tifosi si sentono giustificati a sognare anche l’arrivo di Ibra.

Cosa comporterebbe però l’arrivo del trentottenne Svedese?

Obiettivamente Ibrahimovic non verrebbe a Firenze con l’idea di fare panchina, in carriera é sempre stato abituato a vincere come leader in campo e nell’ultima esperienza nella quale venne messo in discussione a Barcellona i rapporti con Guardiola si logorarono velocemente.

Ibra titolare vorrebbe dire poco spazio per Vlahovic e Pedro.

Nel ruolo di Ibrahimovic la Fiorentina ha già Vlahovic e Pedro, due attaccanti giovani e di talento sui quali la Fiorentina ha puntato fortemente, difficilmente vista l’assenza di coppe potrebbero quindi restare in rosa con l’arrivo di una punta titolare. Sicuramente Vlahovic vista anche l’età, classe 2000′ sarebbe il primo a partire in prestito, ma anche Pedro visto i recenti infortuni ha bisogno di giocare e quindi una panchina forzata potrebbe non fargli bene.

La suggestione Ibrahimovic è sicuramente forte, ma nel caso bisognerà anche valutare i possibili contro dell’operazione. Di certo c’e che il contratto dello Svedese scade al 31/12 e che Ibra ha recentemente ammesso di sentirsi ancora in grado di determinare nei campionati europei.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.