Iachini: “Sarri? In Italia e in Europa c’è il Var, quindi non voglio giudicare l’operato degli arbitri”

Vigilia di campionato per la Fiorentina. Sabato alle 18 a porte chiuse alla Dacia Arena la squadra viola affronterà l’Udinese, reduce dall’1-1 contro il Bologna. Il tecnico viola Giuseppe Iachini ha parlato così in conferenza stampa:

 

Porte chiuse? “Mi è capitato sia da giocatore che da allenatore, è tutta la settimana che ne parlo con i ragazzi. Sicuramente è una partita diversa, non ci sono tutte quelle situazioni ambientali che fanno parte del clima della partita. La squadra dovrà essere ancora più concentrata e attenta. Solo con tanta attenzione e lavoro riusciremo a uscire bene da questa partita, che sembra quasi un allenamento. In una situazione di precauzione generale, è giusto che venga prima la salute di tutti”

 

Chiesa? “Quando sono arrivato, chi per un motivo, chi per una altro doveva essere recuperato. Dovevamo coniugare prestazioni, risultati e mentalità. Dovevamo dare certezze ai ragazzi, dando loro margini di crescita. I nostri attaccanti, che devono dettare i tempi di una partita, devono ancora crescere, e questo è motivo del nostro lavoro. Nella mia testa, intanto, c’è stato per Federico l’idea di un diverso impiego per alcuni giocatori. In tante occasioni abbiamo cambiato schieramento, ma tutto passa dalla condizione di tutti gli effettivi. Federico ora ha recuperato e sta bene, ma ci stiamo concentrando su altri recuperi, come Castrovilli e Duncan. Nel calcio vanno valutati tanti aspetti, basti vedere la Juve, l’Inter o la Lazio, che hanno tanti talenti, ma non li fanno giocare tutti insieme”

 

 

Milan? “Ho dovuto cambiare idea tre volte in cinque minuti. Volevo cambiare schieramento e aumentare il peso dell’attacco, poi però abbiamo preso gol e siamo rimasti in dieci. Ho dovuto ripensare tutta la gara in pochi minuti, scegliendo i cambi da fare e trovando le giuste letture”

 

Gara difficile? “Sicuramente ci aspetta una gara molto difficile, con una squadra che si conosce bene, con un allenatore che sta facendo un ottimo lavoro. Sono molto bravi nell’attaccare gli spazi e difficili da bucare dietro. La partita sarà complicata tatticamente, dovremo avere la testa giusta in entrambe le fasi.”

 

Parole di Sarri? “In Italia e in Europa c’è il Var, quindi non voglio giudicare l’operato degli arbitri. Non so se si riferiva al fatto che non sono stati rivisti gli episodi, e quello sarebbe corretto”

 

Squadra? “Stiamo crescendo, stiamo facendo un bel percorso e in tanti stanno migliorando. Guardiamo avanti con fiducia, stiamo diventando una squadra con conoscenze, e cresceremo ancora. Tutti disponibili, stanno bene”

 

Agudelo? “Kevin è molto giovane, stiamo lavorando per farlo crescere e migliorare in tante zone del campo. Lo sto provando in nuove zone del campo, sopratutto in mezzo, e ancora tatticamente deve migliorare. Ha potenzialità e sta continuando il suo percorso di crescita”

 

Cross? “L’Udinese ha questa caratteristica, e in settimana l’abbiamo studiati. Dovremo giocare più alti e farli crossare meno, dobbiamo aggredire alti e alzare la linea del centrocampo”

 

Dalle Mura? “Il ragazzo fa intravedere delle buone qualità, io non guardo in faccia nessuno, può migliorare e lo porto con me. Può crescere nella tattica individuale, come tutti, ma ci stiamo lavorando e so che avrà una crescita costante”

 

Due mesi di lavoro? “Ho iniziato il 29 Dicembre, venivamo da un punto in sei partite e serviva cambiare tendenza anche a livello psicologico. Chiedevo tanto ai miei ragazzi, sopratutto in fase difensiva, forse in fase offensiva magari mi aspettavo magari che alcune cose venissero apprese prima, ma ci sono state situazioni che ci hanno leggermente rallentato. Sicuramente ci saranno ancora passi avanti”

A riportarlo è Violanews

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.