Felipe Melo: “Cresciuto nella peggior favela di Rio. Morto il 95% dei miei amici”

In una lunga intervista rilasciata al Clarìn, Felipe Melo racconta la sua infanzia difficile in quella che lui chiama “la favela peggiore di Rio”. L’ex Inter rivela di aver perso “il 95% dei suoi amici”. “Sono nato e cresciuto nella peggiore favela di Rio de Janeiro. Mia madre era sempre a casa con noi e mio padre lavorava tutto il giorno.

 

 

Fin da bambino sognavo di giocare a calcio e, se non fosse arrivato, non so cosa sarebbe stato della mia vita … Era il calcio o il calcio. A volte mi allenavo e sulla via del ritorno scoprivo che uno dei miei amici era stato ucciso. Il 95 percento dei miei amici della favela non c’è più, sono morti. Hanno scelto un altro percorso e non ci sono più.

 

 

 

Il 5 percento rimasto è riuscito a partire, è riuscito a lavorare e costruirsi una vita“, racconta il giocatore. “Ho visto cose incredibili nella favela di cui non parlo nemmeno. Avevo le possibilità ma non ho mai voluto drogarmi o avere armi. Ho preferito il contrario. Ricordo che i capi del traffico di droga nella favela mi dissero “hai un futuro, non voglio più vederti qui, se ti vedo di nuovo qui ti sparo in testa”. Ho preferito lavorare e non guadagnare soldi facili”.

A riportarlo è Violanews

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.