Felipe: “Brutto periodo a Firenze, potevo andare in Brasile”

Felipe Spal

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, il difensore della Spal, ex viola, Felipe, ha parlato brevemente anche della sua esperienza in viola:

“Se ho mai pensato di lasciare l’Italia? Una sola volta, nel brutto periodo di Firenze. Ebbi la possibilità del Corinthians, mi davano tanti soldi. Lasciai perdere. Oggi non ci penso più.

IL RESTO DELLE SUE PAROLE

Felipe Dal Bello, arrivato a Udine nel 2000, è lo straniero da più tempo in Italia. Alla Gazzetta dello sport, in una intervista rilasciata prima del suo ‘derby del cuore’ ha spiegato che pensava di rimanere per sempre in bianconero, ma è felice di essere approdato alla Spal, un club serio. Ripercorre i suoi primi anni in Italia, quando c’era ancora la lira e il calcio era diverso.

Tanti ricordi, come quelli che gli restano dei compagni di squadra più forti che ha avuto: “David Pizarro era proprio una spanna sopra gli altri. Se penso a un attaccante, dico Totò Di Natale. In allenamento gli ho visto fare delle cose davvero incredibili”.

È’ stato in tante belle città. Quale le piace di più? “So che le sembrerà strano, e sembrerà strano a tanti, ma dico Udine. E’ la città in cui sono diventato uomo, marito, padre. Udine è nel cuore. Mi hanno dato tutto”.

Sua moglie Caterina è stata la molla di tutto. “Sì, stiamo insieme da 15 anni. E quel che mi piace è che lavora e ha voluto mantenere l’indipendenza. Beatrice, che ha 11 anni, cresce vedendo una grande mamma. E io d’estate per lei, che organizza matrimoni e ha due negozi in Friuli, faccio pure il magazziniere”.

Domani al Friuli deve sfidare un’Udinese disperata… “L’Udinese è nel cuore. Ci sono tornato nel 2015, dopo 4 mesi belli all’Inter, e pensavo fosse per sempre. Ma loro non la pensavano allo stesso modo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.