Commisso:”Le parole di Pessina? Con altre intromissioni saltano Centro sportivo e Stadio, vi spiego”

Commisso

Rocco Commisso grande protagonista durante il Pentasport di Radio Bruno Toscana, queste le sue dichiarazioni in merito alle ultime dichiarazioni di Pessina:

“Cosa rispondo al soprintendente Pessina? Non ci volevano le sue parole, sono dispiaciuto. Non deve dire che i proprietari delle squadre di calcio o di un’impresa guadagnano troppo. Lui ha esperienza nel suo campo, ma come si permette di parlare dei miei ricavi. Dico una cosa sul centro sportivo, prima del quale avevamo parlato dello stadio su cui ci è stato messo il veto. Prima di comprare i terreni per il centro sportivo, siamo andati da Pessina che ci disse di proseguire. Abbiamo accontentato la Soprintendenza con tutti i lavori del caso, ma poi hanno voluto di più.

 

 

I tempi si sono allungati per colpa del Covid-19. A luglio mi hanno detto che avremmo posticipato l’incontro. Dopo di che mi hanno detto che i lavoratori potevano iniziare a settembre, ma se Pessina non sarà di parola non realizzerò il centro sportivo. Se sono disposto a rinunciare? Non accetto che qualcuno mi dica che dobbiamo cambiare altre cose. Abbiamo speso molti più soldi del previsto. Tengo al progetto del centro sportivo. Voglio mantenere questa promessa. No al nuovo stadio se rinuncio al centro sportivo? Sì, i tifosi devono capire che questa è una cosa seria. In Italia c’è una specie dittatura di poteri, non è possibile. I funzionari come Pessina devono rispettare la politica. Perché ha dette certe frasi sugli emendamenti?”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.