Commisso: “Volevamo De Paul, De Rossi e Nainggolan. Le infrastrutture? Sono deluso”

Commisso Firenze

Direttamente da New York il presidente della Fiorentina, Rocco Commisso, ha parlato al Corriere dello Spot, ecco le sue dichiarazioni per quanto riguarda il mercato il patron dice di aver “scoperto il potere degli agenti e la fragilità delle trattative. Volevamo De Paul, Raphinha, De Rossi e Nainggolan. Il prezzo per i primi due non era quello che ritenevamo giusto“. Commisso dice di non aver promesso la Champions League ai tifosi, il presidente vuole fare meglio dell’anno scorso. “Abbiamo aumentato il monte ingaggi a 50 milioni, ma è poco. Con il nostro fatturato non puoi spendere 230 milioni, devi cambiare quel meccanismo e aumentare i ricavi“.

Commisso parla anche delle infrastrutture. Dice di essere un po’ deluso perché “c’è voglia di fare, ma c’è un processo pieno di ostacoli“. Dice di aver apprezzato il progetto di restyling del Franchi con le curve più vicino al campo, ma allo stesso tempo confermo che preferirebbe lo stadio nuovo. “Ci sono progetti anche per il centro sportivo, a Campi Bisenzio e a Bagno a Ripoli, ma poi ho scoperto che c’è una legge sul rispetto del paesaggio e allora bisogna andare piano anche lì“. Per quanto riguarda i tempi, Commisso dice di aspettare un paio di mesi perché “dobbiamo attendere il parere di tanti, a cominciare dalla Soprintendenza“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.