Cincotta: “Sfida difficile, una squadra dei sogni contro una che vuole sognare. Proveremo a scalare l’Everest”

Cincotta ha rinnovato per 2 anni

La Fiorentina Women’s è attesa domani dall’andata del difficile sedicesimo di finale di Champions League contro l’Arsenal. Così Antonio Cincotta, tecnico della squadra gigliata, in conferenza stampa pre partita, accompagnato dal capitano Alia Guagni; ecco le sue parole:

“Esordio? Diverso rispetto ad altri anni, siamo diventati testa di serie. Ma siamo incappati in una squadra forte come l’Arsenal. Il coefficiente di difficoltà è elevato, tra i più alti in Europa.

Il gruppo si allena bene, abbiamo delle defezioni. Clelland, Catena e Vigilucci non ci saranno, hanno dei problemi. Anche Mauro ha qualche acciacco, dolori alla schiena. Anche Alia ha avuto un problemino

L’Arsenal? Una squadra che ha vinto con 12 punti sul Chelsea, battuto 6-0 nello scontro diretto. Una squadra dei sogni, contro una squadra che vuole sognare.

In questo momento siamo rivolti all’Arsenal, che merita quantomeno il 101% delle nostre energie. Da domani alle 21:45 penseremo al campionato.

Siamo a 26mila abbonati, come ha detto Barone. Giocare in casa ci dà una spinta molto importante. A livello di esperienza ne abbiamo tante, Alia stessa, De Vanna, Agard, Philtjens… Questa esperienza la abbiamo e la vogliamo custodire gara dopo gara, speriamo Firenze possa rispondere presente.

POI CONTINUA

Lavoro della società? Eccellente. Tra le mie ragazze non ci sono gerarchie, abbiamo preso sei giocatrici di alto livello che hanno portato attitudine: lavorare tanto e parlare poco. Questo fa molto bene al mio spogliatoio.

L’Arsenal non è una vetta impossibile da scalare. Dobbiamo essere convinti di poter usare le nostre carte con intelligenza tattica e forza corale contro lo strapotere fisico delle avversarie. Domani giochiamo contro l’Everest, proviamo a scalarlo. Loro hanno grande capacità di palleggio e forza; devi essere bravissimo a recuperare sull’ultimo passaggio e intelligente per gestire le ripartenze quando saranno alte.

Come ho detto, dobbiamo ancora valutare delle giocatrici. Chi giocherà domani? Chi potrà spingere davvero al 100%. Lo vedremo domani.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.