Cavalli: “La stagione Viola è come il Coronavirus: speriamo finisca presto”

Roberto CAVALLI

La redazione di FirenzeViola.it ha intervistato, in esclusiva, il noto stilista e grande tifoso viola: Roberto Cavalli.

Come sta vivendo questa situazione?
“La sto vivendo a casa mia, rinchiuso e senza uscire. Per fortuna sto in un bel posto nelle colline fiorentine circondato dai miei cari. Dobbiamo resistere e alla fine ne usciremo più forti di prima”.

Come giudica la stagione della Fiorentina?
“Non è facile parlare di calcio adesso. La stagione della Fiorentina, per me, è come il Coronavirus: si spera che finisca il prima possibile. Mi auguro che la mia squadra del cuore torni ad essere bella e divertente come ai tempi di Batistuta e Rui Costa. Ancora non riesco a vedere niente di eccezionale nella Viola di oggi”.

Commisso, però, ha riportato entusiasmo tra i tifosi…
“Sì assolutamente, ma noi tutti speriamo che, oltre all’entusiasmo, abbia portato anche tanti soldi. Anche perché l’unica cosa che serviva a questa società erano i soldi. Per fare una grande squadra bisogna avere voglia di spendere e un buon consigliere che ti aiuti in ogni momento di difficoltà”.

Chiesa resterà a Firenze?
“Non lo so. Io ho contatti con il padre, Enrico, ma parlerei con il cuore e non con il ragionamento. Parlando con il ragionamento dico che se ne andrà ma io spero vivamente di no”.

Quanto è importante Ribery per la Fiorentina?
“Franck è un grande calciatore però mi sta antipatico perché viene da una squadra tedesca e a me i tedeschi non stanno simpatici”.

Vuole mandare un messaggio ai fiorentini, e non solo, sul restare a casa?
“Certamente! Bisogna rimanere nelle proprie case a tutti i costi! Sicuramente è meglio annoiarsi che morire e la stessa cosa si può dire durante alcune partite della Fiorentina”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.