Castrovilli, missione “top player”. Ma c’è un ultimo gradino da salire

Da sconosciuto a stella della Fiorentina. Comunque vada a finire la stagione, per Gaetano Castrovilli è stato un successo. Al primo anno di Serie A ha dimostrato non solo di poterci stare, ma anche di saper fare la differenza tanto da meritare il rinnovo di contratto, le attenzioni del Ct Mancini e le tante sirene di mercato (rispedite al mittente).

Neanche la stessa Fiorentina, probabilmente, credeva fino a questo punto di avere un gioiello per le mani e adesso se lo gode. Ma siccome nel calcio bisogna sempre alzare l’asticella, è facile individuare quale potrà essere l’ulteriore step di crescita per Castrovilli: diventare più decisivo.

 

 

Ci era riuscito nella prima parte di stagione, segnando 3 reti e offrendo 2 assist nelle iniziali 11 giornate di campionato. Da quasi 4 mesi, però, il ragazzo barese non partecipa attivamente ad un gol della Fiorentina eppure ha le carte in regola per comparire con continuità nel tabellino marcatori e – ancor più – nella casella degli assist-man. Un gradino necessario per poter consacrare Gaetano tra i “top player” del campionato. E non sarebbe male se ricominciasse già domenica pomeriggio da Udine, al cospetto di quel De Paul che nei piani estivi avrebbe dovuto giocare al suo posto…

A riportare il tutto sono i colleghi di Violanews

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.