“Buco di bilancio e mercato fallimentare”, “Giocatori con la testa altrove”: Fiorentina, bentornata nel 2012

Diego Della Valle società

Bentornati al 2012. Abbiamo rispolverato un paio di articoli di 7 anni fa e, se non ve lo avessimo detto, si potrebbe tranquillamente pensare che si tratta di stia parlando della situazione di oggi.

“Ancora un punto, quello che manca per centrare la salvezza, poi scatterà la rivoluzione. Diego e Andrea Della Valle hanno deciso di riprendersi la Fiorentina. Gli azionisti di maggioranza del club viola hanno capito che nel calcio è pericoloso concedere deleghe in bianco. E’ bastato «distrarsi» un attimo per ritrovarsi con un buco nel bilancio di 30 milioni, due allenatori esonerati e tre sessioni di mercato che hanno prodotto operazioni fallimentari”. (Gazzetta dello Sport, 5 maggio 2012)

TEMPO NEGATIVO

Pessimi pensieri. Siamo a zero. Solo Firenze si è salvata. Cercavamo tutti qualcosa di bello da prendere a volo in mezzo a mesi e mesi di niente. Uno stadio vero. La Fiesole che è la Fiesole. E poi? Poi la peggiore umiliazione di sempre. La fotografia impietosa della paura, della stupidità e della mediocrità. Alla fine tutto viene a galla. La presunzione e l’arroganza di tanti e l’egoismo di giocatori mediocri che ormai pensano a un futuro lontano da qui. Un tecnico solo e in confusione con una squadra che vale poco e una panchina che vale pochissimo. Adesso tutti devono pensare a reagire per salvare la Fiorentina dal tracollo. Di tutto il resto da salvare non c’è più niente. La faccia è persa. E questa è una ferita profonda. Che fa male. Troppo male”. (La Repubblica, 17 marzo 2012 post Juventus-Fiorentina)

Cosa successe allora è noto a tutti, con la proprietà capace di chiudere l’allora ciclo Corvino e ripartire con nuovi dirigenti e nuovi protagonisti sul campo, costruendo un triennio di alto livello. E oggi cosa accadrà?
A riportarlo è Violanews

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.