Beppe Iachini ha già individuato il calciatore da mettere in mezzo al campo. La Fiorentina e un mercato con 3 possibili potenziali titolari, si guarda anche al futuro

Alfredo DuncanIachini vuole lui in mezzo al campo. La Fiorentina sta spingendo e probabilmente nelle prossime ore potrebbe chiudere l’operazione. C’è già l’accordo con il giocatore , manca quello con i neroverdi, che comunque si troverà. Dopo Boateng e Lirola, il canale tra il ds Pradè e la squadra allenata da De Zerbi è privilegiato. Ecco quindi che con qualche giorno in più rispetto alle previsioni , l’affare si farà.

E poi arriverà un difensore centrale , probabilmente un jolly di difesa che sappia giocare sia da centrale che sull’esterno. La richiesta è arrivata proprio dal nuovo allenatore viola Iachini , che ‘dietro’ sta riscontrando qualche problema . Pezzella è un leader, è importante per la squadra, ma il suo rendimento in quest’ultimo anno ha mostrato troppi alti e bassi. Il mercato dunque porterà tre possibili potenziali titolari in casa viola e questa rappresenta senz’altro una bella notizia, per tutti quanti.

Intanto si pensa alla partita contro il Napoli. Con Iachini che sembra orientato a schierare davanti Chiesa e Cutrone assieme, dal primo minuto. In uno stadio difficile, contro una squadra in difficoltà. Certo, Beppe non poteva cominciare meglio: 2 vittorie e un pareggio, in pochi giorni. Ha portato grinta, cattiveria, ma anche quel pizzico di fortuna che nella vita e nello sport ci vogliono sempre. Montella non ce l’aveva invece , almeno ultimamente. La ‘paura’ ancora non se ne è andata completamente, ma un bel risultato al San Paolo potrebbe permettere a tutti di guardare avanti e non più indietro.

Ritrovare i singoli, per ritrovare la squadra. Questo è quello che sta facendo IachiniLirola e Pulgar, stanno già dando i primi segnali. Mancano Badelj e Chiesa all’appello. Tra poco arriverà anche il loro momento. Questa è già una Fiorentina molto diversa, più ‘provinciale’, meno palleggiatrice, ma più concreta. Il mercato (e Cutrone in primi ne è la dimostrazione), guarda soprattutto al futuro. Giusto che sia così. Per cominciare a crescere, settimana dopo settimana. Poi si potrà davvero tornare a parlare di Europa e non più di anni di transizione.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.